TUSCIAELECTA 1999-2000 | Verso l’immateriale
a cura di Fabio Cavallucci

Per la terza edizione di Tusciaelecta, in continuità con quelle precedenti del 1996 e 1997, sono stati invitati quattordici artisti a dialogare con alcuni luoghi storici e naturali del Chianti (quali castelli, laghi, pievi, prigioni, tombe, ecc.), creando un percorso a tappe in cui ogni opera ha rappresentato un intervento autonomo e compiuto.
Inoltre, durante il periodo di apertura della mostra, si sono svolti concerti, performance, azioni teatrali e serate di poesia in tutto il territorio interessato dalla mostra. Tra queste la performance di Emanuel Dimas de Melo Pimenta nel centro storico di Barberino; i concerti di Ryuichi Sakamoto e della Societas Raffaello Sanzio rispettivamente al Teatro Verdi di Firenze e al Teatro Studio di Scandicci e lo spettacolo di Virgilio Sieni e Grazia Toderi al Teatro Niccolini di San Casciano Val di Pesa.

Artisti invitati: Antoni Abad, Bruno Benuzzi, Christian Boltansky, Nicola Carrino, Cuoghi & Corsello, Emanuel Dimas de Melo Pimenta, Eliseo Mattiacci, Mario Merz, Hidetoshi Nagasawa, Max Neuhaus, Michelangelo Pistoletto, Arnaldo Pomodoro, Tung-Lu Hung, Bill Viola.