GALLERY

Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010 Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010 Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010 Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010 Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010 Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010 Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010 Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010 Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010 Alan Sonfist, Birth by Spear, 2010

ALAN SONFIST | Birth by Spear
a cura di Arabella Natalini
Via Imprunetana, Impruneta (FI)


Birth by Spear 
è l’opera permanente ideata da Alan Sonfist per Tusciaelecta. Arte contemporanea nel Chianti, che quest’anno ha deciso di privilegiare come spazi espositivi quelli adiacenti alle antiche fornaci di terracotta.

Il noto artista americano, da sempre interessato al rapporto con l’ambiente nel senso più ampio del termine, ha scelto un’oliveta preesistente situata nei pressi dell’antica fornace Poggi come sede, e fonte d’ispirazione del suo ultimo intervento.

Il punto di partenza del progetto è costituito dall’interesse dell’artista verso l’evoluzione dell’ulivo, una storia molto ricca che attraversa tutto il mediterraneo e che risulta di particolare rilevanza nel nostro contesto paesaggistico.

É stata così realizzata un’installazione ambientale che si configura come una grande foglia d’ulivo (lunga circa 30 metri) delimitata da un tracciato in cotto; al suo interno sono stati piantati alcuni alberi, arbusti e cespugli appartenenti all’antica famiglia delle piante che storicamente accompagnano la crescita dell’olivo, e che diverranno elemento costitutivo di questo paesaggio antico e testimonianza dell’evoluzione mitologica e botanica di quest’albero.
Ma l’interesse dell’artista è rivolto a una spazialità che sia anche evocativa di memorie storiche o mitologiche. Dal cuore della foglia si staglia quindi una lunga lancia (in acciaio), simbolo della nascita dell’olivo a rievocare l’antica mitologia greca e romana secondo le quali Minerva, la dea romana, e Atena, la dea greca, rappresentano le “madri” dell’olivo. La lancia quindi segna lo spazio costituendo un’evocazione delle credenze antiche mentre l’opera nel suo complesso si costituirà sia come monumentale segno visivo del tempo, sia come luogo di conoscenza della storia botanica autoctona per il pubblico internazionale e per la comunità locale.

L’opera è inserita nel tour della terracotta organizzato da Contemporary Florence

Alan Sonfist [New York, 1946]

Alan Sonfist è un artista interessato al rapporto con l’ambiente nel senso più ampio, e in particolare alla creazione di una spazialità che sia evocativa di memorie mitiche o mitologiche. Inizia a essere conosciuto nel 1965 con la realizzazione della prima foresta urbana a New York City. Sponsorizzata da enti pubblici e privati, Time Landscape TM è una ricostruzione di una foresta pre-coloniale all’interno di una metropoli contemporanea. Per il suo uso innovativo degli spazi urbani, l’artista ha ricevuto l’acclamazione della critica, diventando così un importante punto di riferimento per la teorizzazione e la progettazione paesaggistica.

Oggi l’artista continua a farsi promotore di un’“arte ambientale ecologica”, nel tentativo di sensibilizzare l’opinione pubblica al cambiamento climatico globale.
Ha ricevuto importanti riconoscimenti e sovvenzioni da organizzazioni private e governative, tra cui il National Endowment for the Arts, la Fondazione Graham per l’Arte e l’Architettura, la Chase Manhattan Bank Foundation, e la Information Agency.
Sue opere sono presenti nelle collezioni di importanti istituzioni tra cui il Metropolitan Museum of Art, il Dallas Museum of Art, il Princeton University Museum, il Museo of Modern Art – New York, il Whitney Museum e il Museum Ludwig di Aachen, in Germania.